Sahifa fully responsive WordPress News, Magazine, Newspaper, and blog ThemeForest one of the most versatile website themes in the world.

UN “MURO DI BERLINO” PER L’ORSO MARSICANO

A Berlino fu costruito un muro per impedire che i berlinesi dell’Est si potessero spostare ad ovest, dove un’ideologia politica rischiava di infettarsi. Pochi giorni or sono tutto il mondo ne ha commemorato l’abbattimento, segno che quel metodo era sbagliato, segno che per fermare gli spostamenti bisognava far sì che ad est la gente trovasse ciò che li attirava ad ovest. La lezione storica evidentemente non è servita a nulla, visto che in Molise il WWF in collaborazione con l’ANAS e con soldi europei (solito spreco di progetti Life!) ne ha realizzato un altro! “Muro virtuale” per impedire agli orsi di abbandonare il Parco! Realizzato con sistemi elettronici lungo tre chilometri di una strada statale dove l’estate scorsa un orso marsicano era stato investito ed ucciso. Come a Berlino le autorità si ostinavano a non voler capire come mai i berlinesi volevano spostarsi verso ovest, ora il wwf (ma non solo il wwf!) non vuole capire perché gli orsi stanno lasciando la teoricamente sicura area protetta del Parco Nazionale per spostarsi all’esterno di quelle montagne. E pensano che la cosa più giusta da farsi è impedirgli di farlo (n pratica, quello che Honecker decise per i berlinesi della DDR!). Eppure, come i berlinesi anelavano la libertà di espressione e di movimento (gli restava solo il pensiero!), in Abruzzo/Lazio/Molise gli orsi marsicani anelano il cibo e la quiete che non trovano più nelle loro montagne, e per questo stanno, ormai da decenni, in continua emigrazione verso terre più floride e quiete. E allora, ecco che i cittadini (nel senso vero del termine, di abitanti delle città!) amanti dell’orso stanno facendo di tutto per cercare di impedirglielo; con recinzioni elettriche e dissuasori, anziché finanziare coltivazioni a perdere, incentivazioni alla pastorizia ovina e controllo al turismo di “bearwatching” nell’area del Parco! Non resta che sperare che un giorno arrivi al Parco Nazionale d’Abruzzo “un giudice a Berlino” che metta fine a tutto questo, compreso lo sperpero di danaro pubblico!

    

Murialdo, 20 Novembre 2019                                                    
Franco Zunino
Segretario Generale AIW