Sahifa fully responsive WordPress News, Magazine, Newspaper, and blog ThemeForest one of the most versatile website themes in the world.

L’Area Wilderness Monte Sernio.

ORGANISMO:

Giunta Regionale del Friuli Venezia Giulia;

LOCALIZZAZIONE:

Comune di PAULARO (Udine);

ANNO:2007
ESTENSIONE:439,6 ettari 
ZONE TUTELA:

1 Zona di Tutela Ambientale interna di  439,6 ettari

REFERENTE:Servizio Gestione Forestale - Tel. 0432.555892
LINK:

www.regione.fvg.it

Scorcio della foresta inselvatichita.

 

L’Area Wilderness comprende gran parte del gruppo del Monte Sernio, nelle Alpi Carniche, tra le valli del Canale d’Incarojo, Val Aupa e la Val Pontebbana. Essa fa parte di uno dei complessi montuosi più selvaggi del Friuli, formato dai monti e dalle creste che si dipartono dalle vette maggiori di Monte Sernio, Monte Creta Grauzaria e Monte Amariana, con le loro valli e valloni circostanti. Le foreste sono costituite da formazioni d’alto fusto in prevalenza di Faggio ma anche con ampia presenza di resinose (Abete bianco, Abete rosso, Larice) ed altre latifoglie (Acero di monte). Floristicamente sono presenti numerose specie interessanti e/o rare. Faunisticamente vi si riscontrano quasi tutti gli ungulati alpini: Camoscio, Cervo e Capriolo. Altre specie presenti sono la Martora, il Tasso e la Lepre alpina. Tra gli uccelli meritano citazione l’Aquila reale, il Gufo reale, la Civetta nana, la Civetta capogrosso, il Picchio nero, il Picchio cenerino, il Picchio tridattilo, il Gallo cedrone, il Gallo forcello, il Francolino di monte, la Pernice bianca e la Coturnice alpina. Interessante è il fatto che anche la Lince e l’Orso bruno frequentino sporadicamente queste montagne. In particolare la Lince vi è stata segnalata in più di un caso e addirittura la sua presenza sembrerebbe quasi stabile. Per quanto riguarda l’Oso bruno trattasi invece di apparizioni occasionali. Entrambe le specie provengono dalle popolazioni che abitano più cospicuamente le montagne e le foreste delle vicine Austria e Slovenia.

NOTE:

L’Area Wilderness fa parte della Foresta Regionale di Forchiutta, la cui parte non così designata è comunque sottoposta a una gestione selvicolturale di stampo naturalistico e sostenibile, certificata secondo il sistema internazionale del P.E.F.C. (Programma per la Registrazione di schemi di Foreste Certificate).

Il merito di questa e delle altre Aree Wilderness friulane va dato al Dott. Emilio Gottardo, Direttore del Servizio Gestione Forestale della Regione Friuli Venezia Giulia, il quale, dopo aver appreso delle finalità di queste Aree e contattato l’Associazione Italiana per la Wilderness, ne ha propugnato e caldeggiato la designazione nell’ambito delle foreste di proprietà regionale.