Sahifa fully responsive WordPress News, Magazine, Newspaper, and blog ThemeForest one of the most versatile website themes in the world.

Il settore Coste del Velino dell’Area Wilderness Monte Giano.

ORGANISMO:

Comune di Micigliano

LOCALIZZAZIONE:

Comune di Micigliano (Rieti)

ANNO:2013
ESTENSIONE:600,0 ettari
ZONE TUTELA:1 Zone di Tutela Ambientale interne di circa 300,0 ettari (zona ancora da definirsi).
REFERENTE: 
LINK:http://www.comune.micigliano.ri.it/
Una panoramica del versante occidentale del Monte Giano, alla cui base scorre il Fiume Velino e parte delle omonime gole.
Una fioritura di Giglio rosso o di San Giovanni, rarità della flora appenninica.

Si estende sulle pendici occidentali del Monte Giano (1820 m), la montagna più elevata ad est del Monte Terminillo, nell’Appennino laziale-abruzzese settentrionale. Le pendici sono intagliate da profondi canaloni che incidono un tratto delle famose Gole del Fiume Velino, comprendendone forse la parte più scoscesa e selvaggia; una serie di valloni, creste e dirupi ancora assolutamente integri. Dal punto di vista culturale e storico interessante e di grande richiamo turistico, sebbene di poco esterna all’Area Wilderness in quanto ricadente nel limitrofo Comune di Antrodoco, è certamente la scritta “Dux” realizzata in epoca fascista sul versante ovest del Monte Giano mediante un rimboschimento di pini e che essendo stata mantenuta finora, meriterebbe di essere così preservata e mantenuta come memoria storica, a prescindere dall’ideologia che all’epoca spinse qualcuno a realizzarla. Sul Monte Giano è presente una popolazioni di Coturnice appenninica e certamente non mancano tutte quelle specie faunistiche tipiche dell’Appennino centrale, compreso il Lupo ed il Gatto selvatico, forse anche l’Istrice, nonché l’Aquila reale, almeno come territorio di caccia. E così dicasi per specie botaniche che qui sarebbe troppo lungo elencare. Non per nulla la zona rientra tra i Siti del programma “Bioitaly Natura 2000” della Comunità Europea, prova del suo valore di biodiversità.

 

NOTE

Merito per la designazione di quest’Area Wilderness va dato al Delegato Regionale AIW per il Lazio Aldo Gismondi, grazie ai contatti presi e portati avanti con l’amministrazione comunale.