Sahifa fully responsive WordPress News, Magazine, Newspaper, and blog ThemeForest one of the most versatile website themes in the world.

AREA WILDERNESS
FIUME PO DI MAISTRA

Evidenziata in verde l’Area Wilderness Fiume Po di Maistra.

ORGANISMO:

Comune di Porto Tolle

LOCALIZZAZIONE:

Comune di Porto Tolle (Rovigo)

ANNO:1998
ESTENSIONE:275,0 ettari
ZONE TUTELA:1 Zone di Tutela Ambientale interne di 55,0 ettari.
REFERENTE: 
LINK: 
Fioritura di Giaggiolo di palude (Iris pseudacorus).

Si estende per oltre 15 Km lungo uno dei principali bracci deltizi del Fiume Po, dalla sua foce nel Mare Adriatico al ponte di Ca’ Venier, subito dopo il suo distacco dal principale Fiume Po di Venezia. L’alveo del fiume, racchiuso tra alti argini, è per una buona metà occupato da golene boscose con formazioni di pioppo bianco e salici d’alto fusto, inframmezzate da lame d’acqua e bracci morti del fiume, per finire poi in distese di canneti nella seconda parte fino a mare. E’ uno dei luoghi prediletti per le diverse specie di Morette (comprese la grigia e la tabaccata), nonché di sosta per il Falco pescatore ed il Lodolaio. Grazie alla sua grande diversità ambientale, numerose sono anche le specie di passeriformi che vi vivono, quali Rigogolo, Basettino, Pendolino, ecc. Per la flora merita segnalare la presenza di popolamenti del bellissimo Giaggiolo di palude (Iris pseudacorus).

 

NOTE

Assieme ad altre due (Delta del Po e Foci del Po di Gnocca), l’Area Wilderness fu designata dal Comune di Porto Tolle nel tentativo di proporla come alternativa ai vincoli del Parco Regionale del Delta del Po, nel quale è compresa, seppure non sia stata riconosciuta da questo organismo. A causa della conflittualità creatasi con l’opposizione al Parco Regionale ed ai cambi politici avvenuti nell’amministrazione comunale negli ultimi anni, l’Area Wilderness - e così le altre due sopra menzionate - è stata volutamente ignorata, seppure mai formalmente abrogata.

Quest’Area Wilderness si deve all’impegno e all’entusiasmo con cui il Lorenzo Carnacina la propose all’AIW e la caldeggiò presso l’amministrazione comunale di Porto Tolle, ma anche alla Sezione locale e provinciale dei cacciatori dell’ATC locale e della Federazione Italiana della Caccia.