Sahifa fully responsive WordPress News, Magazine, Newspaper, and blog ThemeForest one of the most versatile website themes in the world.

La Zona di Tutela Ambientale.

ORGANISMO:

Comune di Fontana Liri

LOCALIZZAZIONE:

Comune di Fontana Liri (Frosinone)

ANNO:2016
ESTENSIONE:

28,2 ettari

ZONE TUTELA:

 

REFERENTE:

Dott. Germano Tomei – Cell. 338.7339566

LINK: 

 

La gigantesca Vipera comune (Vipera aspis) uccisa nel 2016. Foto di Romeo Ursini

Sui bordi del precipizio della Fossa.

La Fossa del Monte, individuabile grazie agli alberi di Leccio che la circondano.

Si tratta di un fenomeno carsico di altissimo valore naturalistico per la sua caratteristica geologica di “pozzo dolinico da crollo” di 15/20 metri di diametro ed altrettanto di profondità, con una cavità interna mai completamente studiata; un fenomeno rimasto quasi sconosciuto ai più. La sua bellezza è evidenziata anche dal fatto che è rimasto racchiuso nel suo contesto ambientale originale, formato da scarni boschi a macchia mediterranea, con Lentisco, Ginestra dei carbonai, Olivastro, Leccio, Terebinto, Orniello, Carpino nero, Roverella, Ginepri, Rosa delle siepi (Rosa agretis), Corbezzolo ed Albero di Giuda, sebbene spesso interessata da incendi che ne hanno ridotto la compattezza e diffuso estensioni di “falasca”, la zona rappresenta una macchia di verde prossima al paese e paesaggisticamente dominante su di esso. Tra la flora minore si segnala una specie di Cisto, la Smilax e l’Elicriso. Nei pressi della cavità è presente un albero di Pino d’Aleppo, ma si presuppone che sia pianta sopravvissuta ad incendi dopo rimboschimento, piuttosto che un relitto spontaneo. Faunisticamente si segnala l’abbondante presenza dell’Istrice ed almeno una specie di Pipistrello non identificata.

 

NOTE

La Zona di Tutela Ambientale è conseguente alla proposta di deliberazione per un’Area Wilderness lungo la Gola del Rio Arimucci, designata con stessa deliberazione. Merito per la sua designazione va dato al Presidente emerito Germano Tomei, grazie ai contatti da lui presi e portati avanti con l’amministrazione comunale.

Curiosità: poco lontano, sulle colline prospicenti, nel 2016 fu uccisa la più gigantesca Vipera comune (Vipera aspis) mai segnalata in Italia e forse in Europa, della lunghezza di circa 150 cm.