Sahifa fully responsive WordPress News, Magazine, Newspaper, and blog ThemeForest one of the most versatile website themes in the world.

L’Area Wilderness I Monti Bianchi.

ORGANISMO:

Comune di Sant'Elia Fiumerapido;
Comune di San Biagio Saracinisco;

LOCALIZZAZIONE:

Comune di SANT'ELIA FIUMERAPIDO (Frosinone);
Comune di SAN BIAGGIO SARACINISCO (Frosinone);

ANNO:1994
ESTENSIONE:1.075 ettari 
ZONE TUTELA:5 Zone di Tutela Ambientale interne per un totale di 751 ettari  (una di estensione provvisoria)
REFERENTE:Dott. Germano Tomei – Cell. 338.7339566
LINK:

www.comune.santeliafiumerapido.fr.it

Il frutto del Falso pistacchio (Staphilea pinnata), la specie botanica più rara presente nell’Area Wilderness.
Panorama dei valloni occidentali, con in primo piano cespugli di Erica multiflora su strato di Dolomia.
L’Area si estende a comprendere alcuni valloni sul versante meridionale di un gruppo di monti dell’Appennino Laziale-Molisano, nell’alto bacino del Fiume Rapido, poi affluente del Liri-Garigliano. Caratterizza la zona un insolito affioramento geologico di Dolomia bianca, cosa che ne condiziona l’aspetto paesaggistico con alcune profonde bianche erosioni, così come quello floristico, con la presenza di interessanti specie botaniche. Le erosioni hanno principalmente origine dalle pendici del Monte Rotolo (di 1115 m slm), scenograficamente l’emergenza certamente più caratteristica di tutti i cosiddetti “Monti Bianchi”, soprattutto se visto da sud-est: un insolito panettone che verosimilmente spiega anche il perché del suo strano toponimo. Spettacolare è l’enorme antichissimo fenomeno erosivo sul versante orientale del monte; erosione dalla quale ha origine il Vallone dell’Arenara o dell’Acqua Bianca (toponimi legati proprio all’effetto del fenomeno erosivo) dando corpo ad un’ampia e lunga “fiumara”, probabilmente l’unica del centro Italia e quindi di grande valore geologico e morfologico. La vegetazione forestale comprende fasce che vanno da nuclei di macchia mediterranea nelle parti più basse a distese di boschi montani (a Carpino nero, Orniello e Roverella), fino alla faggeta (con presente anche una rarissima associazione tra Faggio ed Erica multiflora). Estremamente interessante è inoltre il rinvenimento di diversi nuclei di Falso pistacchio (Staphilea pinnata), pianta arborea molto rara ovunque (unico genere e unica specie in Europa), qui presente con uno dei suoi pochi popolamenti dell’Italia centrale. Tra le specie arbustive degne di nota oltre all’Erica multiflora (Erica multiflora), una delle specie botaniche più rare di questa zona - in quanto appartenente al clima mediterraneo e qui presente per un insolito fenomeno climatico e pedologico -, vanno citate altre entità mediterranee o submediterranee, quali il Ramno dalle foglie d’olivo (Rhamnus oleoides) e il Ginepro coccolone (Juniperus oxycedrus). Anche se di origini antropica, sul versante nord del monte molto interessante è la foresta di Pino nero austriaco dovuta a rimboschimenti risalenti alla metà degli anni cinquanta del secolo scorso; rimboschimenti particolarmente riusciti grazie alla presenza del favorevole strato geologico di Dolomie. Essioggi costituiscono un ottimale habitat per lo Scoiattolo nero (Sciurus vulgaris spp. meridionalis) e per i suoi predatori d’elezione, quali la Martora e l’Astore. Dal punto di vista culturale sono inoltre presenti resti di un acquedotto d’epoca romana ed alcune caratteristiche e ben conservate “calcinare”. L’Area è anche attraversata da un tratto della famosa “Linea Gustav”, con resti di postazioni e rifugi bellici della II Guerra Mondiale (battaglia delle Mainarde).

NOTE:
Il nome di quest’Area Wilderness non deriva da alcun toponimo locale, ma è stato bensì appositamente coniato dalla caratteristica delle bianche erosioni di Dolomia che appaiono in alcuni luoghi delle pendici di questi monti, le quali, tra l’altro, danno anche nome alla cima maggiore del gruppo montuoso, posto al di fuori dell’Area Wilderness, il quale è denominato, appunto, “Monte Bianco” proprio per la stessa ragione.

 

In particolare l’ampliamento di quest’Area Wilderness al settore del Comune di San Biagio Saracinisco lo si deve all’attivismo ed alla costanza del Presidente dell’AIW, Dott. Germano Tomei che per oltre dieci anni ha portato avanti la proposta di accorpamento all’Area Wilderness dello spettacolare Monte Rotolo, infine ottenuto nel 2007.

IN QUANTO DESIGNATA IN PARTE DAL COMUNE DI SANT’ELIA FIUMERAPIDO ED IN PARTE DAL COMUNE DI SAN BIAGIO SARACINISCO, DATI, DESCRIZIONI, NOTIZIE E PARTICOLARI RIFERITI AI SINGOLI SETTORI E COMUNI DESIGNATORI DELL’AREA WILDERNESS SONO RIPORTATI E POSSONO ESSERE VISIONATI NELLE PAGINE DELL'ADDENDA ALLE AREE WILDERNESS, ALLE VOCI: Settore VALLONI DELLA VACCARECCIA; Settore MONTE ROTOLO.