Sahifa fully responsive WordPress News, Magazine, Newspaper, and blog ThemeForest one of the most versatile website themes in the world.

L’Area Wilderness Delta del Po.

ORGANISMO:

Comune di Porto Tolle;

LOCALIZZAZIONE:

Comune di PORTO TOLLE (Rovigo);

ANNO:1998
ESTENSIONE:5300 ettari 
ZONE TUTELA:1 Zona di Tutela Ambientale interna di 370 ettari
REFERENTE:Sig. Lorenzo Carnacina - Tel. 334.1509321
LINK:

www.comune.portotolle.ro.it

Si estende sull’estrema parte deltizia delle principali bocche del Fiume Po, da quella a nord del Po di Maistra a quella a sud del Po delle Tolle, passando per il principale Po della Pila o di Venezia, con un fronte a mare della lunghezza di oltre 20 Km. La caratterizzano “sacche”, rami secondari del fiume, velme, barene, bonelli e scanni in continua evoluzione parte per il deposito di materiale da parte del fiume e parte per bradisismo, ma anche per l’azione delle maree. La vegetazione va da quella palustre degli stagni d’acqua dolce più interni, con dense distese di canneti, a quella delle acque salmastre delle barene e degli scanni, con Salicornia e macchie cespugliose con prevalenza di Tamerice. La grande ricchezza di fauna è data dagli uccelli acquatici migratori, nidificanti o svernanti, con presenze anche di migliaia di capi per le specie più comuni, quali il Germano reale e la Fologa, ma anche altre specie sono presenti in numero cospicuo, a comprendere quasi tutta la vasta gamma degli uccelli legati agli ambienti umidi e di quelli più prettamente marini.

NOTE:

Assieme ad altre due (Foci del Po di Gnocca e Fiume Po di Maistra), l’Area Wilderness fu designata dal Comune di Porto Tolle nel tentativo di proporla come alternativa ai vincoli del Parco Regionale del Delta del Po. Essa comprende anche la Riserva Naturale dello Stato Isola della Batteria, ed è a sua volta compresa nel Parco Regionale del Delta del Po, seppure non sia stata riconosciuta da questo organismo. A causa della conflittualità creatasi con l’opposizione al Parco Regionale ed ai cambi politici avvenuti nell’amministrazione comunale negli ultimi, anni l’Area Wilderness - e così le altre due sopra menzionate - è stata volutamente ignorata, seppure mai formalmente abrogata.

Quest’Area Wilderness si deve all’impegno e all’entusiasmo con cui il Lorenzo Carnacina la propose all’AIW e la caldeggiò presso l’amministrazione comunale di Porto Tolle, ma anche alla Sezione locale e provinciale dei cacciatori dell’ATC locale e della Federazione Italiana della Caccia.