Sahifa fully responsive WordPress News, Magazine, Newspaper, and blog ThemeForest one of the most versatile website themes in the world.

In merito al recente incidente automobilistico che ha coinvolto un branco di cinghiali e provocato un morto.

Oggi in Italia sono quattro le specie animali che creano problemi o fatto morti (quello dei cinghiali dell’altro giorno non è il primo caso, anche se spesso la stampa – quasi tutta filo animalista – ha sempre relegato le notizie in cronaca locale!) e che altri ne faranno ancora: cinghiali, cervi, caprioli e, – perché lasciarli fuori dalla lista? – lupi. Tutte specie in grande accrescimento numerico proprio perché, in un modo o nell’altro, favorite dall’uomo. Quindi è l’uomo che deve provvedere a contingentarle se vuole evitare, da un lato altri morti e dall’altro di pagare milioni di euro di danni (ne sanno qualcosa gli agricoltori e gli allevatori!). Purtroppo per gli animalisti, è proprio riducendo il numero di questi animali che li si protegge in quanto specie e in quanto popolazioni animali con diritto di continuare a vivere nei nostri boschi e nelle nostre montagne. Se non l’odio, almeno l’insofferenza, verso questi animali non lo si evita proteggendoli irragionevolmente, ma limitando il loro numero alla capacità di sopportazione ambientale; un equilibrio che l’uomo ha rotto e che l’uomo deve artificialmente ricreare e/o mantenere.

Murialdo, 5 Gennaio 2019

Franco Zunino
Segretario Generale AIW
5 gennaio 2019

SCONTRO CON CINGHIALI, MUORE UN AUTOMOBILISTA

In merito al recente incidente automobilistico che ha coinvolto un branco di cinghiali e provocato un morto. Oggi in Italia sono quattro le specie animali che […]