Notizie AIW

L’avevamo previsto, noi e tanti altri (ma non ci voleva un genio per prevederlo, almeno per chi abbia un poco di conoscenza del comportamento animale imparato in natura e non sui banchi di scuola): Juan Carrito è stato ancora una volta catturato e, infine, non più trasferito nella “wilderness” in cui i nuovi “esperti” sognano di far vivere gli ultimi orsi marsicani, costringendoli, appunto, a ritornare a cibarsi di erba, frutti selvatici, bacche, carcasse di animali predate dai lupi e, magari, anche qualche predazione diretta, se gli ava bene; ovvero, quello che succede nel Parco Nazionale dello Yellowstone e che invece da MILLENNI non succedeva più nel territorio che da cento anni è Parco Nazionale d’Abruzzo.

Ora lo hanno trasferito nel recinto di Palena per cercare poi di riinserirlo in natura, ma questa volta nel Parco della Majella. In pratica, gli faranno cambiare casa sperando che non ritorni più a Roccaraso: come se Roccaraso non fosse a due passi dalla Majella! E come se Juan Carrito, già addomesticato dandogli un none d’uomo, non avesse memoria genetica; quella memora genetica che porta quelli della sua specie a ricordare che per millenni si cibavano di pecore, mais, grano, lupinella, carote, ecc. Chissà se il povero Juan Carrito avrà la capacità di depennare dal suo cervello il ricordo dei pollai, conigliere e cassonetti di immondizia che ha imparato fin dalla sua più tenera età!

E ‘ una sfida, che gli “esperti” sperano di vincere, magari poi per trarne uno studio da pubblicare in qualche prestigiosa rivista e poi inserire nei loro curriculum; ma quanto è probabile che vincano questa sfida? Non lo sa nessuno. Ma noi siamo disposti a scommettere che la perderanno, e che poi, ancora una volta liberato nella selvaggia Majella, passo dopo passo Juan Carrito ritornerà a Roccaraso e/o a Villalago o Ortona dei Marsi. Dopo di ché gli “esperti” provvederanno ad una nuova cattura, e, allora, sarà il finale di Sandrino: condannato a fine pena mai, nel recinto di Palena o in quello dove morì Sandrino, a Villavallelonga. Per concludere: una promessa. Un giorno scriveremo la storia di Juan Carrito, come già scrivemmo quella di Morena; e fu la storia di un fallimento, oggi già messo nel dimenticatoio!

  1. Ovviamente, per intanto sui media si sono elencati tutti i supposti responsabili di questa storia con finale ancora da scrivere; e, guarda caso, ci sono tutti meno i VERI responsabili di una gestione fallimentare ormai da decenni. Ecco, è così che non si risolvono i problemi; ovvero, quando ci si ostina a non voler andare alle loro radici!

Murialdo, 7 Marzo 2022

Franco Zunino
Segretario Generale AIW
(già primo studioso sul campo dell’Orso marsicano)

7 marzo 2022

Juan Carrito: la storia si ripete!

L’avevamo previsto, noi e tanti altri (ma non ci voleva un genio per prevederlo, almeno per chi abbia un poco di conoscenza del comportamento animale imparato in natura e non sui banchi di scuola): Juan Carrito è stato ancora una volta catturato e, infine, non più trasferito nella “wilderness” in cui i nuovi “esperti” sognano di far vivere gli ultimi orsi marsicani, costringendoli, appunto, a ritornare a cibarsi di erba, frutti selvatici, bacche, carcasse di animali predate dai lupi e, magari, anche qualche predazione diretta, se gli ava bene; ovvero, quello che succede nel Parco Nazionale dello Yellowstone e che […]
28 gennaio 2022

PODERE SAN LODOVICO

Anche in Toscana una prima Area Wilderness!   Le Aree Wilderness del Sistema Italiano, designate sia da enti pubblici (Servizi Regionali per il demanio forestale e, soprattutto, Comuni) quanto da private associazioni ed anche da semplici cittadini, sono distribuite in 11 Regioni ed in 24 Province per un totale di oltre 56.000 ettari. Grande assente è stata da tempo la Toscana, pur “regina” tra esse. Oggi è con orgoglio e soddisfazione che la scrivente Associazione può annunciare che anche questa Regione ha la sua prima Area Wilderness, in Comune di Scansano (Grosseto): Podere San Lodovico. Non è una grande Area, […]
19 gennaio 2022

Si salverà mai la caccia senza anche uno spirito ambientalista?

Per un 2022 migliore: Riflessione di un conservazionista Certo, un altro referendum che avrebbe voluto portare all’abrogazione della caccia è recentemente miseramente fallito, e il mondo della caccia ha esultato. Ma, è stata vera gloria? Se anziché una sola e non potente associazione animalista che se ne era fatto portabandiera, si fossero unite tutte le associazioni animaliste ed anticaccia d’Italia, sarebbe finita così? Ecco, è questa una domanda che i cacciatori si devono fare e tenere bene a mente, perché il rischio è sempre dietro l’angolo. E il recente fatto che per “risolvere” il problema dell’eccesso di cinghiali presenti in […]
8 gennaio 2022

Valorizzazione versus Conservazione: un vizio che ci viene da lontano

Ogni cosa messa in mano alla politica finisce quasi sempre per trasformarsi in danaro. E questo succede anche per le cose più delicate e sensibili quali le scoperte paleontologiche, spesso rarissime e delicatissime ma che se rese note ai politici di turno, gli fanno subito brillare gli occhi di libidine e scattare la scintilla dello sfruttamento mascherato da “valorizzazione”. Mai quello della protezione! Anzi, spesso quasi sempre si inganna la gente facendo credere che valorizzare significa conservare, mentre invece le due cose non poche volte sono addirittura in antitesi. Classico l’esempio di qualche anno fa quando in una grotta delle […]