Sahifa fully responsive WordPress News, Magazine, Newspaper, and blog ThemeForest one of the most versatile website themes in the world.

AREA WILDERNESS
RIO DI TONI-MON PE

L’Area Wilderness Rio di Toni-Mon Pè, evidenziata in rosso. In verde, la limitrofa Area Wilderness Bric delle Rocche-Manchetto. In azzurro, la ex Riserva Naturalistica dell’Adelasia, ed in giallo i limiti della nuova Riserva Naturale Regionale Adelasia, già ex proprietà della Ferrania Spa.

ORGANISMO:

Comune di Cairo Montenotte

LOCALIZZAZIONE:

Comune di CAIRO MONTENOTTE (Savona);

ANNO:2008
ESTENSIONE:27,3 ettari 
ZONE TUTELA: 
REFERENTE:Mario Norziglia - Tel. 333.7391525
LINK:

www.comune.cairo-montenotte.sv.it

Svettanti alberi di Castagno di ceduo invecchiato naturalmente avviato all’alto fusto.

Comprende gran parte delle pendici orientali medio basse della Valle della Cà Balan o del Rio di Toni, affluente della bassa valle del Fiume Bormida di Mallare. Tutta la zona, incisa da alcuni valloni minori, è ammantata da boschi di Castagno ormai avviati all’alto fusto non avendo più subito tagli dagli anni cinquanta del secolo scorso; gli alberi hanno infatti altezze di venti e più metri. Nelle parti più ombrose e negli impluvi crescono anche grandi esemplari di Faggio, Carpino bianco e Ciliegio selvatico. Interessante è l’aspetto complessivo dell’ambiente forestale, in evidente stato di rinaturalizzazione con la frequente presenza di castagni caduti per morte naturale o per il cedimento degli apparati radicali ormai invecchiati. Altre specie presenti sono l’Agrifoglio, il Ciavardello, il Cerro, la Rovere, l’Acero campestre ed il Sambuco. Particolarmente lussureggianti sono gli alberi di Ontano nero lungo la riva del Rio di Toni, anche con esemplari di grandi dimensioni, e su tratti pianeggianti acquitrinosi dove sono presenti anche due specie di piante acquatiche poco frequenti: la Giunchina comune (Eleocharis palustris) ed il Carice maggiore (Carex pendula). Sono presenti diversi impaludamenti sorgentiferi e piccoli corsi d’acqua. La fauna maggiore è rappresentata da Cinghiali, Caprioli, Volpi, Faine, Puzzole e Scoiattoli e vi nidificano falconiformi di foresta, quali Poiana e Sparviere; nelle acque del ruscello è presente una popolazione di Alborella, ed almeno due specie di Libellule ne frequentano il corso. In un piccolo settore un tempo prativo, ora esiste un nucleo d’alto fusto di Pino laricio di rimboschimento, anche con alberi di grandi altezze, ma destinati a sparire con la loro lenta decadenza.

NOTE:

Merito per la designazione di quest’Area Wilderness va dato all’Assessore all’Ambiente del Comune di Cairo Montenotte, Ermanno Goso, amante della montagna e della natura in genere, il quale ha fatto propria la proposta avanzata dall’AIW, sapendo mediare e fare conciliare tutte le opposizioni e le esigenze locali per lo più legate alla filiera dei boschi, dalla caccia alla raccolta dei funghi al taglio dei boschi, ed ottenendo così la salvaguardia dello stato selvaggio di questi luoghi ed anche di gran parte della risorsa forestale.